Applausi per Ossang – Cinematografico.it

le lien original ici

F.J. Ossang – regista, scrittore e musicista pioniere del rock alternativo – autore di culto dal forte impatto e originalità è sicuramente uno dei registi meno normalizzati sul panorama cinematografico internazionale. A Venezia arriva in prima mondiale con Dharma Guns – il suo quarto lungometraggio – in concorso nella sezione Orizzonti. Accolto da un lungo e caloroso applauso alla sua prima proiezione pubblica, Ossang ha lavorato in passato con Joe Strummer ex-cantante dei Clash e con William S. Burroughs, esponente della beat generation. Il film è un lungo viaggio verso l’ignoto in cui il protagonista – Stan – risvegliandosi dal coma, dopo un incidente di sci d’acqua nel quale rimane uccisa la fidanzata Délie, apprende di essere l’erede del misterioso professor Starkov. Partito verso il paese di Las Estrellas viene a sapere che il professor Starkov – probabile padre di Dèlie – ha creato un procedimento chiamato “doppio genetico” di cui Stan e Dèlie potrebbero esserne state le cavie. Inizia – così – per Stan un’odissea di espiazione in cui intuito e telepatia accelerano il corso del tempo…
Dharma Guns – dice Ossang – è un film che ho realizzato dopo diversi anni di silenzio nei quali ho viaggiato, scritto, e meditato sul film senza, però, smettere di guardare l’evoluzione del cinema contemporaneo. Ho voluto attingere – continua Ossang – a un cinema di rivelazione bianco e nero, sole, oscurità, foschie ed elettricità come unici elementi. Lontano dal rivendicare una forma cinematografica post moderna vorrei riaffermare un cinema moderno e al contempo espressione di uno stile antico senza ricorrere ad un eccesso di immagini, tornando ad una poetica cinematografica di volti e paesaggi. In un tempo in cui la morte “industriale” del cinema sembra essere razionalmente, tecnicamente ed economicamente organizzata – conclude Ossang – spero di dimostrare che un cinema di poesia e avventura fantastica è possibile, o meglio, è necessario”.

Ce contenu a été publié dans filmographie, avec comme mot(s)-clé(s) . Vous pouvez le mettre en favoris avec ce permalien.

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. En savoir plus sur comment les données de vos commentaires sont utilisées.